Pensa Globale, Agisci Locale!
Battaglie
scie-chimiche-italia-banner.gif ACQUA.jpg TARZIA.jpg 04FREETIBET.jpg NONUCLEARE.jpg
Verità Nascoste
WHY.jpg WITWATS.jpg SCIE-CHIMICHE.jpg ILNUOVOSECOLOAMERICANO.jpgg 119.jpg IPADRONIDELMONDO.jpg
CONTROLLO e POTERE
KYMATICA.jpg ESOTERIC-AGENDA.jpg WIKIREBELS1.jpg

di Mattia Mazzoli (link su ilCorsaro)

Non sono bastate le numerose proposte di riforma del sistema universitario, prima presentate e poi ritirate dal Ministro Profumo, come la proposta di abolizione del valore legale e il decreto sul merito. Dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri il 29 marzo 2012 del decreto 49 (link all’articolo su ROARS) per spingere gli atenei ad aumentare la contribuzione studentesca per sbloccare il turn over, l’approvazione del decreto 68 per scaricare il costo della garanzia del diritto allo studio dalle regioni agli studenti, il governo lancia l’ennesimo attacco alle università: meno 200 milioni di € a partire dal 2013, più la soppressione di numerosi istituti nazionali di ricerca come INAF (Istituto nazionale di astrofisica ), INdAM (Istituto nazionale di alta matematica ), INRIM (Istituto nazionale di ricerca metrologica ), Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale e non solo, è quello che si legge nelle prime indiscrezioni sul testo della spending review.

Eppure le dichiarazioni del Ministro degli ultimi tempi parevano indirizzare a tutt’altra strada: “Investire su formazione, ricerca e orientamento alla formazione, anche per uscire dalla crisi. Sono alcuni degli elementi sui quali il ministro dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca, Francesco Profumo, ritiene si debba migliorare l’investimento nel nostro paese.” Deve far sorridere questo taglio al Fondo di Finanziamento Ordinario per 200 milioni quando al contempo vengono finanziate le università non statali legalmente riconosciute per 80 milioni di € l’anno (link DM n°452 08/11/2011) e sempre nella spending review vengono destinati 200 milioni di € alle scuole private. La stessa somma tagliata all’università pubblica.

Al contrario non potrà che suscitare lo sdegno più ampio la volontà di sopprimere alcuni tra i più importanti istituti nazionali di ricerca, tra i quali i suddetti, ultimi baluardi di speranza per chi dopo la legge 240 del 2010, riforma Gelmini, sperava ancora di poter essere assunto come ricercatore senza essere costretto ad una vita di precarietà e incertezza all’interno degli atenei come ricercatore a tempo determinato, percorso di carriera sempre più minato anche alla luce del suddetto decreto 49 che limita fortemente il turn over a seconda del gettito totale delle tasse universitarie degli studenti nel dato ateneo. Paradossalmente, mentre viene posto un forte vincolo al reclutamento di personale nelle università, il Ministero stanzia straordinariamente per il 2012 una quota di 93 milioni di € per la chiamata di professori di seconda fascia (link DM n°71 16/04/2012). Viene da chiedersi che cosa intenda a questo punto il governo per “investimento su formazione e ricerca per uscire dalla crisi” alla luce di queste misure di ulteriore taglio alla spesa pubblica in un settore così importante come il sistema universitario. Si intende forse rilanciare la crescita del paese con ulteriori finanziamenti alle missioni all’estero e a grandi opere di cui nessuno sentiva la necessità?

Gli studenti di Link – Coordinamento Universitario scrivono in un comunicato: “Siamo sconcertati dalla scelta del governo di tagliare sulla formazione pubblica e investire sulle scuole private in questi mesi l’esecutivo ha infatti varato provvedimenti che aumentavano le tasse universitarie e non ha investito sul diritto allo studio. Riteniamo che sia ad oggi prioritario dare una borsa di studio a tutti coloro che ne hanno diritto e non la ricevono, invece di continuare ad investire sulle scuole private. Il governo deve sapere che se confermerà queste misure, gli studenti torneranno in piazza come è accaduto negli ultimi per difendere la scuola e l’università pubblica e per non pagare i costi di una crisi che non hanno creato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su
FBICO.pngYouTubeICO.pngTwitterICO.png
Categorie
ECONOMIA
SAUSTV.jpg OBSOLESCENZA.jpg THE-CORPORATION.jpg debtocracy.jpg
SALUTE e AMBIENTE
ACQUA.jpg HOME.jpg PIANETAVERDE.jpg EARTHLINGS.bmp THE COVE.jpg
SCIENZA
JOURNEY.jpg