Pensa Globale, Agisci Locale!
Battaglie
scie-chimiche-italia-banner.gif ACQUA.jpg TARZIA.jpg 04FREETIBET.jpg NONUCLEARE.jpg
Verità Nascoste
WHY.jpg WITWATS.jpg SCIE-CHIMICHE.jpg ILNUOVOSECOLOAMERICANO.jpgg 119.jpg IPADRONIDELMONDO.jpg
CONTROLLO e POTERE
KYMATICA.jpg ESOTERIC-AGENDA.jpg WIKIREBELS1.jpg

Controvento aderisce alla protesta del Comitato dei Pendolari Reatini portando la testimonianza e la voce di tutti gli studenti che utilizzando i mezzi del Cotral per raggiungere le proprie sedi scolastiche ed universitarie. Questo il testo del comunicato:

Oltre 3.000 pendolari ogni giorno devono raggiungere il proprio posto di lavoro sulla tratta Rieti-Roma facendo affidamento sull’unico servizio pubblico gestito da Cotral; eppure, nonostante un nuovo piano dei trasporti sia stato pensato e attuato dall’azienda, è inevitabile oggi constatare che il caos regna sovrano a tal punto che le conseguenze non possono essere più taciute e meno che mai tollerate. Fermo restando che si palesa l’evidenza che sarebbe stato più opportuno adottare prima tutti i provvedimenti suggeriti dal Comitato pendolari, e poi solo successivamente attuare il piano, oggi si constata con stupore e rammarico come le corse continuino a saltare, gli orari non vengano rispettati quasi mai, la comunicazione sia inestistente, e che l’unico risultato certo ottenuto con l’attuazione della sperimentazione del piano scelto, coincida con la constatazione che le persone risultano costrette a rimanere sulla strada in attesa di ipotetici mezzi. Situazione questa che ogni giorno si protrae per oltre mezz’ora nonostante il freddo e le condizioni climatiche avverse; si “viaggia” tra Rieti e Roma nell’infinito disagio e nell’unica speranza di non incorrere anche in problemi lavorativi più gravi. Non è più accettabile per nessuno questa precarietà e questo senso di incertezza. Chi è costretto a spostarsi per raggiungere il proprio posto di lavoro deve essere tutelato in ogni modo da chi è deputato a rappresentare un territorio. È infatti in gioco la credibilità delle istituzioni, il ruolo delle rappresentanze politiche, il ruolo delle aziende pubbliche e di tutti coloro che in prima istanza sono tenuti a garantire a tutti i costi che queste lavoratrici e questi lavoratori non vivano il senso di frustrazione di chi non ha più la possibilità di pianificare la propria esistenza. Lasciare tante persone, in un numero percentuale enorme e comunque in costante aumento, sole davanti a un problema che dovrebbe costituire uno dei valori minimi della vita democratica del paese, significa dimenticare il diritto alla mobilità, il diritto al lavoro, il diritto all’autodeterminazione. Possibile, Rifondazione Comunista e Controvento chiamano tutte le forze politiche, di governo e non, presenti sul territorio, ad ascoltare il grido di dolore che ogni giorno rimbomba inascoltato sui socialnetwork, invocando la necessità di una presa di coscienza collettiva sul problema. Non si chiedono nuovi tavoli. Non si chiedono nuovi incontri formali. Si chiede alla Regione e all’azienda Cotral semplicemente di rispettare almeno le promesse e gli accordi fatti fino ad oggi. Si chiede un chiarimento su quanto sta accadendo e l’impegno entro tempi certi alla risoluzione almeno di alcuni problemi e interrogativi evidenti:

  • Garanzia su orari e comunicazione certa delle corse programmate;
  • Garanzie sui tempi di rinnovo del parco vetture a disposizione;
  • Risoluzione a breve delle problematiche relative al capolinea di Passo Corese;
  • Riduzione evidente dei tempi di percorrenza dell’intera tratta con la rimodulazione delle fermate e dei transiti per Borgo Quinzio;
  • Rispetto dei lavoratori tutti con relativa chiarezza dei loro doveri ma anche dei loro diritti ed eventuale determinazione delle responsabilità rispetto all’attuale stato di degrado dell’Azienda.

Se lavorare è un diritto, in un territorio che ha difficoltà a collegarsi al resto del mondo, deve essere chiaro anche di chi sia il dovere di garantirlo tale diritto. Non ci sembra chiedere troppo.

Il movimento Possibile, Rifondazione Comunista di Rieti, Controvento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su
FBICO.pngYouTubeICO.pngTwitterICO.png
Categorie
ECONOMIA
SAUSTV.jpg OBSOLESCENZA.jpg THE-CORPORATION.jpg debtocracy.jpg
SALUTE e AMBIENTE
ACQUA.jpg HOME.jpg PIANETAVERDE.jpg EARTHLINGS.bmp THE COVE.jpg
SCIENZA
JOURNEY.jpg