Pensa Globale, Agisci Locale!
Battaglie
scie-chimiche-italia-banner.gif ACQUA.jpg TARZIA.jpg 04FREETIBET.jpg NONUCLEARE.jpg
Verità Nascoste
WHY.jpg WITWATS.jpg SCIE-CHIMICHE.jpg ILNUOVOSECOLOAMERICANO.jpgg 119.jpg IPADRONIDELMONDO.jpg
CONTROLLO e POTERE
KYMATICA.jpg ESOTERIC-AGENDA.jpg WIKIREBELS1.jpg

Sabina

Controvento aderisce alla protesta del Comitato dei Pendolari Reatini portando la testimonianza e la voce di tutti gli studenti che utilizzando i mezzi del Cotral per raggiungere le proprie sedi scolastiche ed universitarie. Questo il testo del comunicato:

Oltre 3.000 pendolari ogni giorno devono raggiungere il proprio posto di lavoro sulla tratta Rieti-Roma facendo affidamento sull’unico servizio pubblico gestito da Cotral; eppure, nonostante un nuovo piano dei trasporti sia stato pensato e attuato dall’azienda, è inevitabile oggi constatare che il caos regna sovrano a tal punto che le conseguenze non possono essere più taciute e meno che mai tollerate. Continua a leggere

Ieri sera è andata in onda su Rieti Lazio Tv la puntata di “La resa dei conti” sul Polo della Logistica di Passo Corese andata in onda il 19 giugno 2012. Ospiti in studio, Stefano Colantoni del Consorzio Industriale, Paolo Campanelli dell’associazione Sabina Futura ed il Professore di Economia Corrado Bei.

Di Giovanna Corsetti. Istruzioni per l’uso di come si può costruire uno dei più grandi poli della logistica d’Italia su un sito archeologico. Accade In provincia di Rieti, nel comune di Fara in Sabina dove nascerà un complesso di circa 10mln di metri cubi di cemento. Il problema è che per farlo è stato distrutto un vecchio acquedotto romano. Off the Report racconta come si è arrivati a questo e chi sono i protagonisti dell’opera, nonché il ruolo delle istituzioni preposte al controllo.

di Marco Giordani

Il circolo SEL di Fara Sabina si chiede cosa ci sia da dire sul comportamento di SEL riguardo il Polo della Logistica. Quello che c’è da dire è che, pur dichiarandosi critica (variamente critica: dapprima fortemente il circolo di Montopoli ma poi, un pò più sfumatamente e in vista delle comunali, anche il circolo di Fara), SEL subì/accettò il ricatto/invito dei padroni della coalizione PD e si unì elettoralmente, dopo un lunghissimo tira e molla in cui pure tutti i suoi ultimatum furono rigettati, alla coalizione volta alla rielezione del sindaco Mazzeo.

Unione fortemente richiesta anche dai sindacati unitari che la considerarono «condizione necessaria per garantire la continuità rispetto al buon esito dei grandi progetti già in cantiere, tra i quali particolare rilievo è dato al cosiddetto Polo della logistica». Continua a leggere

19/09/2011 – All’indomani dell’uscita polemica del coordinatore provinciale del Pd Vincenzo Lodovisi, che sulla vicenda si era prodigato in alcune dichiarazioni, non ultima quella di chiedere spiegazioni alla presidente della Regione Lazio Renata Polverini sulla faccenda,  anche allora rispose il Movimento reatino acqua pubblica e basta: “Sulla questione delle Sorgenti “Peschiera-Le Capore” al coordinatore provinciale del Pd Lodovisi, prima di chiedere spiegazioni alla Presidente Polverini, quanto mai utili anche se palesemente tardive, consigliamo di chiedere spiegazioni prima al presidente Melilli, del suo stesso partito e direttamente interessato alla vicenda della concessione del “Peschiera-Le Capore”, in quanto Presidente della Provincia di Rieti e soprattutto Coordinatore Ato3, che dall’anno 2006 ad oggi ha seguito in prima persona questa vicenda. Se la questione della concessione dello sfruttamento delle sorgenti tocca un nervo scoperto negli interessi della comunità reatina sulla quale l’attenzione non deve essere abbassata…” come dichiara Lodovisi, dovrebbe chiedere al “suo” Presidente, Melilli, perché: Continua a leggere

di Paolo Campanelli

I sapienti ritengono che gli uomini non abbiano ricchezza e povertà in casa, ma negli animi. Infatti, alcuni cittadini, pur possedendo sufficiente ricchezza, ritengono di essere poveri e affrontano fatiche e pericoli sperando di diventare più ricchi. Talvolta anche i tiranni credono che i propri beni non siano sufficienti e compiono cattive azioni non per indigenza ma per bramosia di potere: alcuni distruggono intere abitazioni, altri uccidono in massa i cittadini, altri ancora asserviscono intere città. La pericolosa bramosia di potere è una malattia dell’animo e colui che è avido di ricchezza, come l’uomo che ha mangiato molto, si trova a non essere mai sazio.

Senofonte

Mentre la Legambiente Bassa Sabina chiama nuovamente in aiuto il Prefetto di Rieti, la distruzione dell’area archeologica continua, nell’indifferenza generale. Con Cures abbiamo perso la nostra storia più importante. Il Presidente di Sabina Futura ripercorre le tappe di questa vicenda piena di “misteri”.. Continua a leggere

Dal massiccio del Nuria prende vita la sorgente del Peschiera (foto di Repubblica), sito di particolare interesse naturalistico e storico. Fa parte di un bacino idrico di eccezionale portata situato nel sottosuolo della piana di San Vittorino, nei pressi delle antiche Terme di Cotilia, fatte costruire dall’imperatore Vespasiano, definito il secondo serbatoio d’acqua d’Europa. Queste splendide acque insieme alla sorgente Le Capore, infatti, riforniscono Roma fin dall’età imperiale attraverso un complesso e monumentale sistema di acquedotti, vere e proprie opere d’arte architettonica, alcuni dei quali tutt’ora funzionanti. Attualmente l’acqua impiega 17 ore per arrivare alla capitale, percorrendo una distanza di circa 80 Km. Tuttavia prima le acque del Peschiera si uniscono a quelle della sorgente “Le Capore” presso Ponte Buita di Casaprota e formano l’acquedotto del sistema Peschiera-Le Capore, poi compiono un salto di 80 metri in località Salisano per alimentare una centrale idroelettrica. Attualmente la portata prelevata da tale acquedotto è pari a circa 9,5 m3/s. Continua a leggere

di Comitato Sabino – Legambiente Bassa Sabina

1) Protagonista: la Sabina a Nord di Passo Corese, uno splendido territorio collinare archeologicamente omogeneo conosciuto in tutto il mondo come “Cures Sabini“, ricco di centinaia di testimonianze archeologiche, con decine e decine di ville, siti del paleolitico, aree di frammenti fittili, cunicoli, acquedotti, indagato come area omogenea in un grande libro della “Forma Italiae” dalla Dott.ssa Maria Pia Muzzioli, dove per ognuno dei 254 siti vengono riportati, con cura ed attenzione, tutti gli elementi descrittivi disponibili. Continua a leggere

Seguici su
FBICO.pngYouTubeICO.pngTwitterICO.png
Categorie
ECONOMIA
SAUSTV.jpg OBSOLESCENZA.jpg THE-CORPORATION.jpg debtocracy.jpg
SALUTE e AMBIENTE
ACQUA.jpg HOME.jpg PIANETAVERDE.jpg EARTHLINGS.bmp THE COVE.jpg
SCIENZA
JOURNEY.jpg