Pensa Globale, Agisci Locale!
Battaglie
scie-chimiche-italia-banner.gif ACQUA.jpg TARZIA.jpg 04FREETIBET.jpg NONUCLEARE.jpg
Verità Nascoste
WHY.jpg WITWATS.jpg SCIE-CHIMICHE.jpg ILNUOVOSECOLOAMERICANO.jpgg 119.jpg IPADRONIDELMONDO.jpg
CONTROLLO e POTERE
KYMATICA.jpg ESOTERIC-AGENDA.jpg WIKIREBELS1.jpg

Società

Fabrizio De André, noto anche come Faber, è stato un famoso poeta e cantautore degli anni ’70 italiani, morto l’11 Gennaio 1999. Ha collaborato con personalità di spicco della scena musicale nazionale come Ivano Fossati, Francesco De Gregori, Massimo Bubola e Nicola Piovani, oltre ad essersi ispirato ad autori stranieri quali Leonard Cohen e Bob Dylan (tanto da essere stato definito il Bob Dylan italiano).

E’ difficile descrivere l’importanza e la profondità di un uomo come Fabrizio De André. Ognuno di noi si incontra in un suo brano, in un suo album o nel suo intero viaggio musicale: c’è chi sogna un amore come quello di Marinella, chi si perde in Sardegna o nella Genova della città vecchia, chi continua la propria lotta gridando ancora più forte contro chi ha votato ancora la sicurezza e la disciplina, per la paura di cambiare. Faber è stato ed è tuttora una fonte di ispirazione per tutti coloro che viaggiano in direzione ostinata e contraria, perché con poche parole è in grado di portarli in un mondo diverso. Continua a leggere

Quello che segue è il discorso che John Swinton, l’allora redattore-capo del New York Times, pronunciò nel discorso di congedo dai colleghi tenuto al banchetto in suo onore, presso l’American Press Association.

John Swinton pronunciò queste parole nel 1880 e la speranza che nell’ultimo secolo la situazione possa essere migliorata può derivare solo dall’affinamento delle tecniche di propaganda che, attraverso i giornali e l’ancora più potente televisione, fanno credere al popolo che esista libertà di stampa, di espressione e di informazione.

Continua a leggere

di Alessandro Aresu

È uscito per Mondadori Generazione Bim Bum Bam, di Alessandro Aresu, che racconta la generazione nata tra il 1975 e il 1990. Aresu è nato a Cagliari nel 1983. Oltre a Generazione Bim Bum Bam ha scritto anche Filosofia della navigazione, e ha curato con Matteo Scurati il libro di Guido Rossi Perché filosofia. Scrive per La Nuova Sardegna e per Limes, ed è tra gli autori del sito Lo spazio della politica. Alessandro Aresu spiega nel suo nuovo libro la funzione di Cristina D’Avena nella formazione degli italiani nati tra il 1975 e il 1990, e il loro “programma politico”. Continua a leggere

Giulietto Chiesa

Allegri, siamo spacciati. L’inedito scontro esploso a Bruxelles non aveva per obiettivo la nostra salvezza. Al contrario, stanno solo decidendo chi scriverà i titoli di coda: il boia di Wall Street o il collega tedesco della Bundesbank? Non cadiamo nell’equivoco, avverte Giulietto Chiesa: la vera posta in gioco non è il braccio di ferro contro la presunta spilorceria della Germania nell’accollarsi l’euro-debito, ma il controllo geopolitico dell’Europa di oggi e di domani. E il nostro destino ha il respiro cortissimo, perché sia le ricette americane che quelle della Merkel prevedono soluzioni nefaste: il nostro futuro nelle mani dei predatori della finanza o, a scelta, in quelle degli autocrati di Berlino. Fine della democrazia, mentre l’interaEuropa si condanna a sprofondare in una crisi sociale inaudita e pericolosissima, possibile preludio di una nuova, drammatica Grande Guerra.  Continua a leggere

Di: Gianni Tirelli

“Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace” è un altro degli slogan di punta (fra i più efficaci) che da tempo la modernità ci ha spacciato per buoni, trasfigurando (attraverso questo subdolo strattagemma), la libertà in licenza, la verità in mistificazione e la realtà in contraffazione. L’etica, la morale e i comportamenti deontologici non sono, per il Sistema Bestia, che degli impedimenti – ostacoli insormontabili che metterebbero a rischio la commercializzazione dei beni prodotti, compromettendone la vendita e vanificandone i profitti. Tutto questo, non ha nulla a che vedere con la democrazia, ma bensì, con la peggiore delle schiavitù: l’omologazione. Continua a leggere

di Francesca Mancuso

Rio de Janeiro, 1992. La 12enne canadese Severn Suzuki sale sul palco in occasione del vertice delle Nazioni Unite e zittisce la platea con la sua acuta analisi dei problemi che affliggono la Terra. Oggi, esattamente 20 anni dopo, la storia si ripete. Questa volta a lanciare un messaggio ai governi di tutto il mondo per Rio+20 è stata Britney Trilford, 17enne neozelandese che ieri ha inaugurato il primo giorno di incontri. Continua a leggere

di Alessandro Raffa

Le associazioni massoniche: il trait d’union tra le lobby dell’alta finanza che gestiscono le multinazionali – che hanno in mano l’economia globale – ed i governi del mondo. La rete del potere mondiale. Chi è Mario Monti e a quali poteri risponde. Il golpe italiano, chi c’è dietro e quali sono i loro obiettivi.

Che il nominato premier Mario Monti sia parte integrante dei gruppi di potere che cercano di controllare – o forse, che controllano – il mondo, lo sappiamo bene. Fa parte dell’Aspen Institute, ha preso parte a diverse riunioni del gruppo Bilderberg, e ha ricoperto addirittura il ruolo di “Presidente europeo” della Commissione Trilaterale, estensione del super magnate Rockfeller, braccio destro della potentissima famiglia Rothschild, che ha in mano quasi tutte le banche centrali del mondo. Continua a leggere

di M. Adams – Traduzione di Anticorpi.info

Il 2011 è stato l’anno in cui numerose “teorie del complotto” hanno smesso di essere teorie per diventare fatti. Gli articoli su come costruire ed usare un cappello di stagnola di colpo sono schizzati su tutte le prime pagine dei maggiori giornali del paese. Il mondo a quanto pare è più strano di quanto riusciamo a immaginare, e nel 2011 ne abbiamo avuto la ennesima dimostrazione.

Ecco le prime dieci conferme della esistenza di una cospirazione, emerse nel corso dell’ultimo anno: Continua a leggere

map_class

a cura di: Gianni Lannes (Link)

Premessa nostra: ci permettiamo di riportare un articolo tratto dal portale latanadizak.blogspot.it nel quale si ipotizza che i terremoti avvenuti nel nostro paese ultimamente ed anche quello in Emilia siano di origine artificiale ovvero provocati dall’uomo. Sarà vero? A voi il giudizio, buona lettura.

Il Belpaese trema. Ma cosa sta accadendo allo Stivale tricolore?  Cosa stanno sperimentando sulla nostra pelle i militari Usa col beneplacito delle autorità tricolori? Vogliono farci dimenticare in tutta fretta la strage di Brindisi? C’è un nesso con le sperimentazioni della Nato in questa nazione?  Rivela lo stimato generale Fabio Mini: “Non ho prove che ci sia stato un esperimento nucleare o convenzionale capace di provocare un determinato terremoto, ma sono abbastanza  pessimista per non pensarlo. In 45 anni di carriera militare in giro per il mondo, ne ho viste di tutti i colori“. Continua a leggere

di Daniele Florian (Liberarchi@)

Ruberesti mai un auto? NO!
Ruberesti mai una borsa? NO!
Ruberesti mai un CD? NO!
Scaricheresti mai un libro? Eccome!

Prima di tutto occorre fare una distinzione: recentemente i fatti di MegaUpload hanno riportato l’ attenzione pubblica sulle tematiche del copyright, della pirateria e dello streaming, sollevando le critiche di chi non accetta che il web diventi mezzo di profitti illeciti. Continua a leggere

di Anna Freeman

“E’ tv educativa mamma, la rossa con il bikini color lime, ha una laurea da insegnate”

La mia generazione, come quella di qualsiasi persona nata dopo gli anni 80, non è stata cresciuta dai genitori, ma dai media. I nostri genitori, hanno subito un lavaggio del cervello dal  movimento liberal-femminista-ateo-estetico, sacrificandoci sull’altare della correttezza politica. Venne detto loro di non essere ‘oppressivi’ o ‘invadenti’ come successe ai loro genitori, concedendoci le nostre libertà e lasciandoci autonomia nella scelta del nostro personale cammino.

Molto Political Correct… Ma concretamente che successe? Siamo stati letteralmente gettati in pasto ai lupi (“travestiti da pecore”, aka la Fabian Society). Continua a leggere

di Albert Einstein

Società e Personalità

Se consideriamo la nostra esistenza e i nostri sforzi, rileviamo subito che tutte le nostre azioni e i nostri desideri sono legati all’esistenza degli altri uomini e che, per la nostra stessa natura, siamo simili agli animali che vivono in comunità. Ci nutriamo di alimenti prodotti da altri uomini, portiamo abiti fatti da altri, abitiamo case costruite dal lavoro altrui. La maggior parte di quanto sappiamo e crediamo ci è stata insegnata da altri per mezzo di una lingua che altri hanno creato. Senza la lingua la nostra facoltà di pensare sarebbe assai meschina e paragonabile a quella degli animali superiori; perciò la nostra priorità sugli animali consiste prima di tutto – bisogna confessarlo – nel nostro modo di vivere in società. L’individuo lasciato solo fin dalla nascita resterebbe, nei suoi pensieri e sentimenti, simile agli animali in misura assai difficile ad immaginare. Continua a leggere

da TMNews

Tre i cortei oggi in Valle di Susa per “celebrare” la ripresa dei terreni di Venaus (Torino) del 2005: uno a Susa, uno a Chiomonte e uno a Giaglione. L’atmosfera della vigilia era molto tesa in valle anche se i no-Tav promettono, come di consueto, solo “atti di disobbedienza civile”. Ma sono diverse le voci che si rincorrevano ieri su quale dei tre potrebbe essere il fronte più caldo. Una cosa è certa: tutti e tre i cortei confluiranno all’autoporto di Susa, nelle vicinanze dell’autostrada A32 che collega Torino a Bardonecchia e alle principali stazioni sciistiche della Val di Susa. L’obiettivo dichiarato dei no-Tav è quello di occupare il grande spazio dell’autoporto, dove è prevista persino una notte bianca. Continua a leggere

world-vegan-day-1st-nov.jpg

Il 1 novembre, viene celebrato in tutto il mondo il World Vegan Day, ovvero la Giornata Mondiale Vegan, l’anniversario della fondazione a Londra della prima associazione vegan nel mondo, The Vegan Society. La società vegana inglese è nata infatti il 1° novembre 1944 per iniziativa di Donald Watson,  il fondatore del veganismo.

Le iniziative proposte vanno dal preparare degli assaggi vegan e portarli in ufficio ai colleghi, o a scuola, assieme a qualche pieghevole informativo; all’organizzare una serata con alcuni amici proponendo la proiezione di un documentario sul tema della scelta vegan; al divulgare la locandina sul World Vegan Day attaccandola al finestrino posteriore dell’auto o in bacheca in ufficio, a scuola, in biblioteca, in sale d’aspetto o nei negozi, col permesso del gestore; al postare sul proprio profilo di FaceBook e di Twitter, l’1 o 2 novembre il video “Facciamo il collegamento”, un recente documentario che illustra tutti i vantaggi della scelta vegan, per gli animali, l’ambiente, l’agricoltura, la nostra salute e… le nostre papille gustative!

Continua a leggere

Articolo di NonDuale * Fonte: Anticorpi.info * Link

C’è una rivoluzione silenziosa in corso che non si associa più a nessuna ideologia (sia di tipo politico che religioso) ma passa semplicemente attraverso il Cuore (inteso come facoltà, non come organo) che è il “luogo” dell’Amore incondizionato per tutti gli esseri, della Compassione e della realizzazione dell’Unità sostanziale della manifestazione.

Questa energia rivoluzionaria preme sempre di più in tutti e nessuno può restarne indifferente. Non è un caso che tutte le credenze che hanno sino ad ora animato e dilaniato l’umanità siano in netta crisi: politica, economia, religioni, famiglia, ecc.

 

Continua a leggere

Negli ultimi anni è salito alle luci della ribalta un nuovo termine, che tanto nuovo in realtà non è, in quanto coniato negli anni ’70, ma che è divenuto tristemente noto solo nell’ultimo decennio. Infatti, al fine di catalogare episodi di inaudita e incomprensibile violenza verso persone di orientamento sessuale diverso dalla “norma” (avremo modo di vedere quanto possa essere relativo e ambiguo questo termine), si è cominciato ad usare il termine “omofobia”, per descrivere appunto la “paura” (dal greco “phobos”) dell'”omo-sessualità”. In questa sede voglio discutere questo fenomeno per dimostrare che non è altro che un atteggiamento socio-culturale dalle basi filosofiche inesistenti, e piuttosto limitato da un punto di vista di “portata storica”, salvo delle sporadiche eccezioni dovute a concezioni di tipo fondamentalista-religioso.

Continua a leggere

Sono passati oramai piu di tre mesi da quel fatidico 26 agosto, quando ad Avetrana,piccolo paese in provincia di Taranto, la quindicenne Sarah Scazzi viene strangolata e poi gettata in un pozzo da parenti animali. Lo zio di Sarah, Michele Misseri, è in carcere ed ha confessato con diverse versioni piu o meno discordanti di essere l’artefice del delitto. La cugina di Sarah, Sabrina Misseri, è anch’essa in carcere accusata dallo stesso padre di averlo assistito durante l’omicidio, ma non sembra volere ammettere nessun reato. Insomma la verità ancora deve essere stabilita, ma le settimane di pressione mediatica che si è scatenata intorno a questo caso sono a dir poco imbarazzanti.

Continua a leggere

Seguici su
FBICO.pngYouTubeICO.pngTwitterICO.png
Categorie
ECONOMIA
SAUSTV.jpg OBSOLESCENZA.jpg THE-CORPORATION.jpg debtocracy.jpg
SALUTE e AMBIENTE
ACQUA.jpg HOME.jpg PIANETAVERDE.jpg EARTHLINGS.bmp THE COVE.jpg
SCIENZA
JOURNEY.jpg