Controvento Rieti

Pensa Globale, Agisci Locale!

Battaglie

scie-chimiche-italia-banner.gif ACQUA.jpg TARZIA.jpg 04FREETIBET.jpg NONUCLEARE.jpg

Verità Nascoste

WHY.jpg WITWATS.jpg SCIE-CHIMICHE.jpg ILNUOVOSECOLOAMERICANO.jpgg 119.jpg IPADRONIDELMONDO.jpg

CONTROLLO e POTERE

KYMATICA.jpg ESOTERIC-AGENDA.jpg WIKIREBELS1.jpg

Dal potere assoluto alla fuga. Si conclude la storia politica del presidente tunisino Ben Ali’ ma anche della moglie Leila e di una famiglia allargata che, per oltre vent’anni, ha monopolizzato le leve del potere economico nel Paese magrebino. Un sistema di corruzione istituzionalista messo in piedi essenzialmente dalla First Lady e dal suo “clan” (cosi lo descrive le gente), che ha peggiorato la situazione di Ben Alì e ha fatto precipitare la situazione, azzerando le sue residue probabilità di rimanere alla guida del paese tunisino, soprattutto dopo le proteste del “pane” di questi giorni.

Continua a leggere

Negli ultimi anni è salito alle luci della ribalta un nuovo termine, che tanto nuovo in realtà non è, in quanto coniato negli anni ’70, ma che è divenuto tristemente noto solo nell’ultimo decennio. Infatti, al fine di catalogare episodi di inaudita e incomprensibile violenza verso persone di orientamento sessuale diverso dalla “norma” (avremo modo di vedere quanto possa essere relativo e ambiguo questo termine), si è cominciato ad usare il termine “omofobia”, per descrivere appunto la “paura” (dal greco “phobos”) dell'”omo-sessualità”. In questa sede voglio discutere questo fenomeno per dimostrare che non è altro che un atteggiamento socio-culturale dalle basi filosofiche inesistenti, e piuttosto limitato da un punto di vista di “portata storica”, salvo delle sporadiche eccezioni dovute a concezioni di tipo fondamentalista-religioso.

Continua a leggere

E’ stato da poco approvato alla Camera il Disegno di legge (ddl) del ministro Gelmini sull’università che desta non poche perplessità. Tra le novita spicca la riforma sulla “Governance” degli Atenei italiani. Infatti uno degli obiettivi principali del ddl è quello di azzerare la partecipazione democratica nella gestione degli Atenei, trasformandoli in aziende simili alle ASL. In questo modo il Rettore acquisisce un eccessivo potere gestionale, appoggiato da un Consiglio d’Amministrazione costituito da  membri “esterni”.Una gravissima intromissione da parte di un’ Istituzione che non dovrebbe avere interesse a trasformare gli Atenei in aziende divise dai poteri forti accademico-politico-confindustriali. Una presenza quella degli “esterni “ non giustificata dato che potrebbero dare il loro contributo in modo utile anche come Organo consultivo. Pesanti anche i tagli previsti dal Disegno di Legge nei finanziamenti alle universita’ pubbliche che rischiano di far scomparire numerose facoltà presenti nel territorio italiano. Continua a leggere

Sono passati oramai piu di tre mesi da quel fatidico 26 agosto, quando ad Avetrana,piccolo paese in provincia di Taranto, la quindicenne Sarah Scazzi viene strangolata e poi gettata in un pozzo da parenti animali. Lo zio di Sarah, Michele Misseri, è in carcere ed ha confessato con diverse versioni piu o meno discordanti di essere l’artefice del delitto. La cugina di Sarah, Sabrina Misseri, è anch’essa in carcere accusata dallo stesso padre di averlo assistito durante l’omicidio, ma non sembra volere ammettere nessun reato. Insomma la verità ancora deve essere stabilita, ma le settimane di pressione mediatica che si è scatenata intorno a questo caso sono a dir poco imbarazzanti.

Continua a leggere

L’Unione Degli Studenti ha indetto per Venerdì 8 Ottobre 2010 lo sciopero e manifestazione nazionale studentesca. In Italia c’è un Governo che demolisce la scuola pubblica con:

  • 8 miliardi di tagli all’istruzione,
  • 100.000 licenziamenti tra docenti precari e personale ATA,
  • chiusura dei distaccamenti universitari come il corso di ingegneria informatica di Rieti!

In più di 80 città italiane sfileranno i cortei di protesta.

Continua a leggere

…l’incubo Berlusconi rimane. Meglio così?

Dal Blog di Vittorio Zucconi su repubblica.it

Da ormai ex tifosa di calcio posso solo intristirmi per la mancata festa che segue sempre il percorso della Nazionale al mondiale. Quella sensazione di essere incredibilmente un popolo, di avere qualcosa in comune con il macellaio fascista, col giornalaio berlusconiano, con la shampista che normalmente neanche ti saluta. Quel romantico “quanto stiamo?” Continua a leggere

..poeta, visionario ed “eretico”

Da Repubblica.it del 18/06/2010

Se n’è andato ad 87 anni il primo e unico Premio Nobel per la Letteratura in lingua portoghese. José Saramago è morto oggi, poco  dopo le 13, nella sua casa di  Tiàs, a Lanzarote (una delle Isole Canarie), dove risiedeva dal 1991 insieme alla moglie, Pilar del Rio, e alla fedelissima segreteria Pepa. Nato il 16 novembre del 1922 ad Azinhaga, un piccolo villaggio a nord di Lisbona, ottenne il Nobel per la letteratura nel 1998 dopo una esistenza segnata a lungo dalla provvisorietà e dalla povertà. Continua a leggere

Da: Infoaut.org di 11/05/2010

Un maxi-piano di salvataggio senza precedenti, con stanziamenti fino a 750 miliardi e la partecipazione del Fmi, “per blindare la zona euro dagli attacchi della speculazione” ed evitare il rischio default di altri Paesi, dopo quello corso con la Grecia. A vararlo, dopo dieci ore di negoziati,  i ministri finanziari della Ue, riunitisi a Bruxelles domenica sera. Continua a leggere

Erano quasi le 17:58 del 23 maggio del 1992. Il giudice Giovanni Falcone, direttore degli affari penali del ministero di Grazia e Giustizia, era da poco atterrato  nell’aereoporto di Punta Raisi con la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato. Si dirigeva a Palermo con la sua solita scorta e il suo solito sorriso sul volto. Tutto era tranquillo sull’autostrada Trapani-Palermo. Ma in un istante la Fiat Croma marrone guidata dagli agenti della scorta salta in aria, investita da un esplosione da cinque quintali di tritolo; subito dopo anche l’auto del magistrato con accanto la moglie Francesca e l’autista Giuseppe Costanza, rimasto vivo per miracolo, viene investita dalla violenta deflagrazione.

Continua a leggere

..nel “posto” sbagliato al “momento” sbagliato.

Di: Fabio Santoprete

Sarebbe troppo facile concludere questo incidente con una frase fatta, probabilmente sarebbe l’epilogo che molti preferirebbero dare a ciò che è accaduto la sera del 5 Maggio a Roma ma noi preferiamo fare un pò di luce ed offrirvi il nostro punto di vista. Continua a leggere

..vittima dell’omertà di Stato (an Italian Job)

Questa è la storia di un ragazzo di trentun’anni ucciso nel giro di sette giorni  per cause più o meno sconosciute. Questa è la storia di misteri che solo la Magistratura sta provando a risolvere. Questa è semplicemente la storia di Stefano Cucchi.

Il ragazzo fu arrestato il 15 ottobre scorso per possesso di droga (28 g. di hashish, qualcuno di cocaina e farmaci antiepilettici scambiati per ecstasy) a Roma ed era in buone condizioni di salute. Stefano affrontò il seguente percorso: ambulatori del Tribunale, carcere di Regina Coeli, ospedale ” Fatebenefratelli “, per poi morire  il 22 ottobre nell’ospedale “Sandro Pertini” di Roma. Durante questo percorso i familiari lo poterono vedere solo il giorno dell’ udienza in tribunale.

Continua a leggere

Di: Eugenia Blasetti

Quando si parla di pace il discorso va inserito in un’ottica più ampia, che vada oltre i rapporti internazionali tra Stati, prendendo in considerazione anche quelli che sono i rapporti tra individui nella vita quotidiana. In questo caso per stabilire una situazione pacifica non sarà necessaria una guerra, ma basterà semplicemente che ognuno si impegni nel proprio piccolo, affinché l’individualismo e la tentazione di sopraffare gli uni sugli altri non prevalgano sulla solidarietà e sull’accettazione dell’altro. Continua a leggere

Peppino-Impastato1di Salvo Palazzolo

Quando il sindaco di Cinisi apre la porta di casa Badalamenti, Giovanni Impastato corre su per le scale, fino al grande salone dove un tempo il padrino della Cupola teneva udienza. “Trent’anni ho aspettato – sussurra – in questo salone Gaetano Badalamenti avrà deciso la morte di mio fratello Peppino“. E continua a guardarsi attorno, anche se non è rimasto più nulla nel salone delle feste e dei summit: “Mi sembra ancora di vederli – dice Giovanni Impastato – i mafiosi che ridevano al balcone e i politici che arrivavano da Palermo“. Continua a leggere

Silvio..e il fenomeno del “perseverare”

Nell’anniversario della tragedia di Chernobyl, il Premier Berlusconi e il Premier russo Vladimir Putin rilanciano il nucleare stipulando un accordo che entro tre anni darà il via alla prima centrale nucleare in Italia. Berlusconi ha dichiarato che occorrerà fare una propaganda di persuasione per cambiare la mentalità della gente. Sicuramente in quanto a persuasione il Premier italiano ha una notevole esperienza, ma non bisogna dimenticare i danni che il fenomeno del nucleare ha procurato dal punto di vista ambientale e salutistico. Sono passati ormai ventiquattro anni dalla tragedia di Chernobyl che dimostrò che non basta costruire centrali nucleari tecnologicamente avanzate e all’avanguardia nel settore della sicurezza per scongiurare tutti i pericoli derivati da questo spregiudicato fenomeno.

Continua a leggere

Di Salvatore Quasimodo

E come potevano noi cantare
Con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento. Continua a leggere

MenseDi: Mariangela Giovanzanti

Dopo la pubblicazione della lettera dell’anonimo imprenditore, è scoppiata la polemica. Mamme arrabbiate che accusano altre madri di fare le “furbe” e non voler pagare la retta della mensa. Le abbiamo sentite urlare l’una contro l’altra e ciò che ci fa riflettere, non sono le urla quanto la profonda vena d’odio che queste urla racchiudono.

Si parla di “noi” e di “loro” ma sia ben chiaro “noi non siamo razzisti”. Vengono accusate delle famiglie di comportarsi da  fuorilegge, di non voler (attenzione, non “di non poter”) pagare la retta della mensa dei loro figli a scuola. Come se non fosse chiaro che, per ogni madre o padre di famiglia, i figli rappresentano la priorità assoluta, come se il sistema di valori convenzionale fosse stato radicalmente rovesciato. Continua a leggere

Enzo-BaldoniEnzo Baldoni (Città di Castello, 8 ottobre 1948 – Iraq, 26 agosto 2004) è stato un pubblicitario e giornalista italiano.

In Iraq come giornalista freelance, venne rapito presso Naiaf il 21 agosto 2004 dall’Esercito islamico dell’Iraq, una sedicente organizzazione fondamentalista musulmana  ritenuta legata ad Al-Qaeda. Dopo un ultimatum all’Italia per il suo ritiro di tutte le truppe entro 48 ore, venne ucciso. I suoi resti sono tornati, in questi giorni, in Italia e non c’era nessun capo di Stato ad accoglierli.

Ogni paese si sceglie i suoi eroi. A noi gli eroi non piacciono. Ma, e non da oggi, ci piace Baldoni, ci piace la sua ironia, la sua umanità. Nel  settembre 2004, all’indomani della sua uccisione, Tribù Ribelli diffuse un volantino (Morte di un giornalista) in cui lo stesso Baldoni immagina il suo funerale.

È il ritratto di un uomo vero, perché gli uomini veri non sono quelli che imbracciano il mitra per seminare morte, né coloro che giocano a game boy con la vita degli altri.

  Continua a leggere

“Fatta la legge, trovato l’inganno”

sicurezza

Di: Federica Micheli

In questi mesi, il governo continua a lavorare sulla normativa riguardante le intercettazioni telefoniche ambientali, si pensa di nascondere con qualche parola, punto o virgola, un grande futuro bavaglio dell’informazione, oltre ad una grande opportunità per i delinquenti di commettere reati senza essere scoperti e puniti. Finalmente! Sicuramente i politici staranno festeggiando, visto che per non essere intercettati si erano ridotti a comunicare con i piccioni viaggiatori, i segnali di fumo, e gli alfabeti farfallini!!! Ma a cosa andremo incontro? Vediamo i punti più clamorosi del testo della legge.

In primis, non si potrà intercettare per nessun tipo di reato tranne quelli di mafia e terrorismo, e solo se si avranno già in mano “gravi indizi di reato”. Chiediamoci allora a cosa servirà l’intercettazione, visto che sappiamo già chi è stato a commettere un reato. Non si potranno quindi controllare i sospetti, in compenso, però, si potrà intercettare la vittima, ma solo su richiesta della medesima. Continua a leggere

Emergency01

Di: Filippi Lia N. 

Sabato 10 Aprile militari afgani e della coalizione internazionale hanno fatto irruzione e perquisito l’ospedale chirurgico della Fondazione di Emergency a Lashkar-gan. Prima dell’irruzione vi è stata l’evacuazione di tutto l’ospedale e durante la perquisizione sono state rinvenute delle armi. Nove membri dello staff di Emergency lì operanti sono stati arrestati, tra cui 3 italiani: Matteo Dell’Aira, Marco Garatti e Matteo Pagani e portati a Kabul con l’accusa di “aver complottato con i talebani per uccidere il governatore della provincia di Helmand”. I volontari di Emergency sono ancora detenuti e poco si sa sulle loro condizioni di salute; l’ospedale è stato chiuso, giustificando ciò come un modo per preservarlo dai possibili furti. Continua a leggere

Seguici su

FBICO.pngYouTubeICO.pngTwitterICO.png

Categorie

ECONOMIA

SAUSTV.jpg OBSOLESCENZA.jpg THE-CORPORATION.jpg debtocracy.jpg

SALUTE e AMBIENTE

ACQUA.jpg HOME.jpg PIANETAVERDE.jpg EARTHLINGS.bmp THE COVE.jpg

SCIENZA

JOURNEY.jpg